Fondazione Valle Bavona

Presentazione

Il concorso ”Montagna Giovane”, sezione speciale del premio letterario "Salviamo la montagna", viene presentato annualmente a docenti e allievi delle Scuole elementari e delle Scuole medie della Vallemaggia. Il concorso coinvolge pure le scuole della Valle Vigezzo. La premiazione ha luogo in novembre, in alternanza annuale tra la Valle Bavona e la Valle Vigezzo.

Il presidente della giuria per la Vallemaggia è il Prof. Giancarlo Verzaroli, mentre per la Valle Vigezzo è il Prof. Carlo Termignone.

Edizione 2017

Sabato 11 novembre ha avuto luogo la premiazione del concorso letterario Montagna giovane, sezione speciale del Premio letterario internazionale Salviamo la montagna. Al concorso, indirizzato agli allievi della Vallemaggia e della Valle Vigezzo sono giunti oltre cento testi e la Giuria, presieduta dal prof. Giancarlo Verzaroli per la Vallemaggia e dal prof. Carlo Termignone per la Valle Vigezzo, ha scelto una ventina di lavori da segnalare quali meritevoli. 

A fine mattinata i ragazzi, accompagnati dalle rispettive famiglie, hanno potuto visitare il sito di Sott Piodau di Bignasco, soffermandosi in particolar modo sull’antica costruzione della trappola del lupo (lüèra).

Nel pomeriggio, presso la Sala multiuso di Cavergno, ha avuto luogo la cerimonia di premiazione. Dopo l’accoglienza da parte di Rachele Gadea Martini (coordinatrice della Fondazione Valle Bavona) e il saluto dei sindaci di Cevio e Toceno Pierlugi Martini e Toceno Tiziano Ferraris, la parola è passata ai due presidenti della Giuria, prof. Termignone e prof. Verzaroli i quali hanno guidato con maestria la manifestazione. La lettura dei brani è stata proposta con professionalità da Véronique Dotta, Emily Lafranchi, Diana Perreira Fernandes e Flavio Dalessi, studenti della Vallemaggia. Perfettamente in sintonia  con le letture Debi Arigo e Francesco Mariotta, nelle vesti de I Musicanti di Crema, che hanno proposto momenti di musiche e canti scelti per l’occasione.

L’Associazione Leggere e Scrivere sez. Svizzera italiana, organizzazione mantello che si adopera per sostenere gli adulti in difficoltà di lettura e scrittura, presente con il suo presidente Mauro Tettamanti, ha devoluto un premio speciale alla manifestazione Montagna Giovane 2017. La Giuria ha deciso di attribuire tale merito ai docenti che hanno coinvolto i loro allievi nell’edizione 2017: Maura Balassi, Alessia Del Ponte, Laura Falcioni, Federica Grassi, Daniela La Fata, Sara Mattei, Nicole Oggier, Lara Pedrazzi Patritti,, Bianca Soldati, Sandra Vandoni, Francesca Vitali, Luca Paganetti, Carlo Termignone. 

I segnalati di questa edizione di Montagna Giovane 

Per la Vallemaggia: 

Per la Valle Vigezzo: 

Edizione 2016

Sabato 12 novembre a Toceno si è svolta la giornata di premiazione dedicata al concorso letterario Montagna Giovane.I giovani premiati e le loro famiglie sono stati accolti a Sta Maria Maggiore dalla presidente del premio "Salviamo la Montagna" avvocato Patrizia Testore. Dopo un'interessante visita al Museo dello Spazzacamino il gruppo si è spostato a Toceno per raggiungere la sede degli Alpini attraverso i vicoli del villaggio. Il magnifico panorama sulle Alpi e l'ottima accoglienza hanno accompagnato il pranzo offerto a tutti.

Il momento ufficiale, avvenuto a partire dalle 15.00 presso la Sala polifunzionale di Toceno, è stato coronato da una sala gremita di parenti e amici. I giovani lettori provenienti dalla Valle Vigezzo e dalla Vallemaggia si sono alternati nella lettura dei testi meritevoli, proposti dal prof. Carlo Termignone e dal prof. Giancarlo Verzaroli. Le letture sono state intervallate dalla magnifica voce di Martina. Gli autori e i testi meritevoli provenienti dalle scuole vallemaggesi sono stati:

  • Giacomo Canepa, Tomè
  • Dylan Matasci, Il mio paesino
  • Yara Bachofen, La ribellione della natura
  • Sabina Dalessi, Un posto bellissimo
  • Roberta Bay, Morella
  • Alice Barca, Il mistero della montagna antica
  • Nina Beroggi, L'imprevedibile montagna
  • Valentina Castelli, Colonia estiva
  • Melissa Filipponi, Una gita al lago Mognola
  • Alessandro Vaghi, Stupida montagna

Documenti

Edizione 2015

Si è tenuta sabato 7 novembre, a Cavergno, la premiazione dei vincitori del Concorso letterario internazionale Andrea Testore-Plinio Martini Salviamo la Montagna per la sezione “Montagna giovane”, indetto dalla Fondazione Valle Bavona e dal Comune di Toceno con la collaborazione dei Comuni di Cevio e Lavizzara. I giovani premiati, con i loro genitori e docenti, sono stati accolti in mattinata per una visita accompagnata in Valle Bavona. La meravigliosa giornata autunnale ha evidenziato le peculiarità del territorio e favorito lo scambio conviviale tra la quarantina di partecipanti valmaggesi e vigezzini.

Il momento ufficiale, avvenuto nel pomeriggio presso la sala multiuso, è stato coronato da una sala gremita di parenti e amici giunti a festeggiare i giovani scrittori. La giuria presieduta dai professori Giancarlo Verzaroli (CH) e Carlo Termignone (I) ha condotto i presenti attraverso le letture dei testi scelti e premiati, seguendo l’accattivante trama di un fil rouge a cavallo tra storie vissute, riflessioni e approfondimenti sul tema della montagna. I lavori valmaggesi premiati sono:

  • Valentina Merlini, Salviamo la montagna
  • Elia Maddalena, Ragazzacci
  • Rowena Caviezel, La montagna e i suoi segreti
  • Nassima Montaldi, Diario di Margoneggia
  • Giulia Pittet, La Montagna
  • Aaron Bettazza, LA MONTAGNA
  • Maya Poncini, L'estate all'alpe
  • Cora Dazio, La vita in montagna
  • Samira Lafranca, La principessa degli animali

Le letture dei brani sono state affidate alle fresche voci di alcuni giovani della Vallemaggia. Andrea Dalessi, Alba Kurt, Emily Lafranchi, Clarissa Hirling, Diana Pereira e Veronique Dotta hanno saputo coinvolgere il pubblico presente grazie a una dizione spigliata e cristallina. La festa è stata allietata dalla musica e dai canti di Paolo Tomamichel e Sandra Eberle, che hanno condiviso con il pubblico presente anche parecchi aneddoti legati alla genesi dei testi cantati, tutti legati al nostro territorio e alle nostre montagne. L’evento si è concluso con una ricca merenda.